Moroccan Lamb Tajine - Tajine di Agnello con Prugne e Mandorle

Oggi andremo alla scoperta del Marocco, un viaggio affascinante tra distese desertiche, alte montagne e le splendide città imperiali di Marrakech, Fès, Rabat e Meknes scelte in tempi diversi come residenza da varie dinastie, cammineremo nei vicoli coinvolgenti e animatissimi dei souk (i mercati) per ammirare il lavoro dei conciatori e tintori di pelle.

Poi andremo alla ricerca di tappeti, datteri e spezie dalla fragranza intensa. Nelle piazze ci soffermeremo a guardare gli incantatori di serpenti e al calare del sole gusteremo il Tajine di Agnello, un ottimo piatto della cucina tradizionale del Marocco. La cucina marocchina è ricca di sapori anche molto forti, conosciuta per l'abbondante uso di spezie, un pasto tipico inizia con una serie di insalate calde e fredde seguite da un tajine e si conclude solitamente con un tè alla menta.

Il Tajine di agnello è un classico piatto marocchino che unisce le prugne alla gustosa carne di agnello o di manzo con profumi intensi di spezie quali zenzero, cannella, cumino, zafferano e curcuma, è un piatto speciale servito spesso ai pranzi di matrimoni, alle feste o in occasioni importanti. Non esiste una ricetta uguale all'altra perché generalmente tramandate dalla famiglia e ognuno utilizza le spezie a proprio gusto, in alcune ricette le mandorle sono sostituite dai semi di sesamo e la carne di agnello con quella di manzo o di capra. Il termine tajine è di origine berbera e prende il nome dal caratteristico recipiente in terracotta con coperchio a cono in cui viene cucinato, il tajine di agnello con prugne e mandorle è anche denominato Mrouzia, uno dei piatti più famosi della cucina del Marocco.

Moroccan Lamb Tajine - Tajine di Agnello con Prugne e Mandorle
Moroccan Lamb Tajine - Tajine di Agnello con Prugne e Mandorle

Clicca sulle parole di colore azzurro per informazioni sui prodotti
Ingredienti per 4 porzioni

Procedimento

  1. Preparare la miscela di spezie: versare in una ciotola tutte le spezie (tranne la stecca di cannella), mescolare bene e tenere da parte.
  2. In un tajine o in una casseruola in acciaio dal fondo multistrato o una casseruola in ghisa, dorare la cipolla tritata con gli spicchi d'aglio interi sbucciati e l'olio di cocco.
  3. Aggiungere tutte le spezie e mescolare, lasciare insaporire per 1-2 minuti.
  4. Unire la carne di agnello e cuocere per qualche minuto, fino a doratura da tutti i lati, mescolando ogni tanto.
  5. Coprire la carne con acqua naturale, aggiungere la stecca di cannella e il sale. Cuocere a fuoco basso, con coperchio socchiuso, per circa 2 ore e 30 minuti, fino a quando la carne è molto tenera e si stacca dall'osso e il fondo di cottura si riduce.
  6. Al termine della cottura rimuovere gli spicchi d'aglio e la stecca di cannella, aggiungere le prugne denocciolate e il miele, mescolare e continuare la cottura a fuoco moderato con tegame scoperto per 10-15 minuti. 
  7. Mettere le mandorle in una padella e tostare a fuoco basso per 1-2 minuti.
  8. Cospargere il tajine di agnello con le mandorle tostate.
  9. Servire.

Suggerimenti: Per questo piatto si utilizza la spalla di agnello, più economica e adatta alla lenta cottura. Si può cucinare con 1-2 giorni di anticipo perché le spezie e le prugne conferiscono a questo agnello stufato ricchezza di sapori. Questa ricetta è generalmente cucinata nella tradizionale tajine di ceramica, ma è possibile cuocere in una casseruola di acciaio con fondo multistrato oppure in una pentola di ghisa o di terracotta o anche una pentola slow cooker
Il piatto si può accompagnare con "Riso" di Cavolfiore o altro contorno di stagione e servire con una Tisana alla Menta.

Moroccan Lamb Tajine - Tajine di Agnello con Prugne e Mandorle

Ti potrebbe interessare il mio libro

ARMONIA PALEO, RICETTE PER UNA VITA SANA SECONDO NATURA

 

con Macrolibrarsi

 

Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita. Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook

 

(0 Voti)

Lascia un commento